Social Network

Get Adobe Flash player

APPELLO A LETTA: Italia ponga veto a nuovo cappio Ue

All’imminente Consiglio Europeo (di giovedì 24 ottobre) il Presidente del Consiglio Enrico Letta potrebbe incontrare una forte pressione ad approvare un irrigidimento ulteriore della politica economica europea in una direzione gradita alla Germania e che toglierebbe ai paesi in difficoltà, tra i quali l’Italia, anche l’ultima fonte di (limitata) autonomia di politica economica rimasta.
Potrebbe rivelarsi un passaggio cruciale per l’Europa ed il nostro Paese. Per questo vi chiediamo di firmare questo appello, proposto dall’economista Gustavo Piga (e di diffonderlo al maggior numero possibile di persone chiedendogli l’assenso a firmarlo), lasciando un commento a questo testo sul sito di eptaforum o mandando una mail a
[email protected] it.

Appello al Presidente del Consiglio dei Ministri
Enrico Letta.
 
Ill. mo Presidente,
 
«Il nostro destino può essere quello che vogliamo solo se l’Europa farà scelte diverse da quelle fatte finora». Queste sue parole, così importanti, furono pronunciate poco prima dell’insediamento del governo da Lei presieduto e del suo tempestivo e immediatamente successivo tour europeo.
 
Tra meno di 24 ore lei si recherà nuovamente a Bruxelles per un Consiglio Europeo che si annuncia decisivo per il destino dell’Europa, il primo dallo svolgimento delle elezioni tedesche.
Sono sempre più frequenti i riferimenti ad una richiesta proprio dalla Germania di accelerare sul fronte dei c.d. “contractual arrangements” ovvero degli accordi contrattuali che dovrebbero limitare ulteriormente la flessibilità dell’ultimo strumento di politica economica che i singoli Stati hanno  ancora a disposizione, quello della politica fiscale, per fronteggiare una recessione che rischia di far esplodere tensioni sociali ed economiche insostenibili, mettendo a repentaglio la permanenza nell’area euro e dunque il progetto europeo.
 
Come da Lei stesso comunicato alla Camera dei deputati ieri 22 ottobre, “la strada per uscire dalla crisi non è costruire nuove gabbie di procedure, monitoraggi, sanzioni”.
 
Con questo appello la preghiamo di porre dunque senza indugi il veto, all’interno della riunione del Consiglio europeo, a qualsiasi proposta di ulteriore riduzione dell’autonomia fiscale dei singoli Paesi Stati membri dell’area euro.
 
Gustavo Piga
Lorenzo Caselli
Francesco Gagliardi 

di Gustavo Piga

One Response to APPELLO A LETTA: Italia ponga veto a nuovo cappio Ue

  1. Paolo De Luca

    23 ottobre 2013 at 13:36

    Una preoccupazione più che legittima quella del prof Piga, ed un appello da sottoscrivere senza esitazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *